La terza settimana di Pasqua ci proietta verso la 58a Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni. Nel suo messaggio Papa Francesco ci addita la figura di Giuseppe come il Santo della porta accanto, che ci viene incontro con la sua mitezza e la sua forte testimonianza, orientandoci nel cammino. È un luminoso esempio di vocazione realizzata: fissiamo dunque l’attenzione sulle tre parole-chiave che il papa ci dona perché diventino nostre:
sogno:      San Giuseppe ha molto da dirci in proposito perché, attraverso i sogni che Dio gli ha ispirato, ha fatto della sua esistenza un dono;
servizio:   liberando l’amore da ogni possesso, si aprì a un servizio ancora più fecondo;
fedeltà:    alimentata alla luce della fedeltà di Dio, trova in essa il segreto della gioia.
“È la gioia che auguro a voi, fratelli e sorelle, - conclude Papa Francesco - che con generosità avete fatto di Dio il sogno della vita, per servirlo nei fratelli e nelle sorelle che vi sono affidati, attraverso una fedeltà che è già di per sé testimonianza, in un’epoca segnata da scelte passeggere ed emozioni che svaniscono senza lasciare la gioia. San Giuseppe, custode delle vocazioni, vi accompagni con cuore di padre!” (Messaggio di Papa Francesco per la 58a Giornata Mondiale di preghiera per le Vocazioni). CONTINUA A LEGGERE


 



58a Giornata Mondiale di Preghiera 
per le Vocazioni25 aprile 2021 


Online i materiali proposti dall'Ufficio






 

Salva Segnala Stampa Esci Home